Archivio Storico

cropped-sangiovanniinvenere-sfondo-mare.jpg

s.giovanni in venere notturno

L’archivio storico del Comune di Fossacesia è attualmente collocato nei locali del centro polifunzionale (ex scuola media) di Fossacesia e propriamente in due stanze al secondo piano dell’immobile sito in Via Marina 25 in cui il materiale è conservato ma non accessibile al pubblico. Fino all’anno 2011 l’archivio è stato conservato in un sottotetto ristrutturato posto al terzo piano della Casa municipale e, nel 1999, è stato sottoposto ad intervento di recupero, riordino, scarto, inventariazione e sistemazione sulla scaffalatura ad opera della Cooperativa delle Arti e dei Mestieri di Lanciano. Nell’anno 2008 si è provveduto alla informatizzazione del complesso archivistico storico con redazione di un secondo inventario a cura della Dott.ssa Federica Proni.

Per questa operazione è stato utilizzato il software Sesamo. L’ultimo intervento archivistico è stato affidato nel Giugno 2011 alla Cooperativa delle Arti e dei Mestieri di Lanciano affinchè procedesse al trasferimento dell’archivio storico dalla Casa Comunale all’attuale sede, dotata di spazi idonei alla conservazione e consultazione dei documenti per cui è stato chiesto e ottenuto il nulla-osta alla Sovrintendenza Archivistica.

Prima dell’inscatolamento del materiale, la Cooperativa affidataria ha proceduto alla verifica dello stato di conservazione del materiale, al controllo delle serie archivistiche della sezione separata, al controllo analitico delle unità archivistiche già inventariate, alla compilazione dell’elenco del materiale fotografico non inventariato e al censimento della documentazione rinvenuta nell’archivio di deposito, riconducibile all’archivio storico ma non ancora inventariata. Il materiale inscatolato è stato analiticamente riportato in un elenco descrittivo recante il contenuto delle scatole. Il Teatro del Sangro opererà per garantire un’idonea e nuova collocazione e una altrettanto adeguata conservazione dell’archivio storico del Comune entro e non oltre il 30 aprile 2017.